The Iron Wyrm Affair [The Bannon & Clare Affairs], Lillith Saintcrow


IronWyrmAffairThe Iron Wyrm Affair è il primo libro della serie The Bannon & Clare Affairs, nonché anche il primo approccio al genere Steampunk da parte della prolifica autrice Lillith Saintcrow, già affermata best seller di Urban Fantasy.

Io e la Saintcrow siamo vecchie conoscenze, visto che sono un’appassionata lettrice delle sue serie su Dante Valentine, Jill Kismet e anche della serie Young Adult Strange Angels che firma con lo pseudonimo Lilly St.Crow. Una distinzione minima ma significtiva del nome dell’autrice, giustificata dal fatto che, sebbene i suoi romanzi per teenager non siano esattamente all’acqua di rosa, la sua fiction dedicata al pubblico adulto è decisamente ricca di violenza, sangue, gore e di protagonisti assolutamente imperfetti e ai margini della società, ma pronti a farsi letteralmente massacrare per difendere i più deboli.

Leggendo Lillith Saintcrow lo sporco, la sofferenza, il sudore e i sacrifici dei suoi personaggi sono così vividi, che generalmente evito di entrare in questo mondo nei periodi in cui sono particolarmente stanca o magari ammalata, per evitare di immedesimarmi nella loro stanchezza e disperazione.



Dracula, episodi 1-5


DraculaDopo tutte le recenti rivisitazioni sui vampiri, la NBC tenta la carta della “tradizione” e porta in tv questa versione riveduta di Dracula e corretta del celebre non morto di Bram Stoker. Un compito non certo facile, se si pensa all’iconico film di Coppola, e alla difficoltà intrinseca di dare nuova vita ad un personaggio così conosciuto.

A dare il volto a principe della Valacchia è Jonathan Rhys Meyers, ormai a suo agio tra i costumi d’epoca. Troviamo Vlad nella Londra vittoriana, sotto la falsa identità dell’imprenditore americano Alexander Grayson. E già c’è il primo problema, perché così ci fanno perdere il sexyssimo accento british di Jonathan. Insieme al fedele Renfield, Vlad/Grayson vuole rovesciare l’industria del petrolio proponendo un’energia elettrica alternativa che si trasmette senza cavi (qualcuno ha detto Tesla?). Forse che Dracula era militante ecologista? No! I cattivi petrolieri sono membri dell’ordine di Draco che anni prima gli avevano ucciso l’amata moglie, e lo avevano reso un vampiro … per punirlo … mhm .. vabbeh.



The Strange Case of Finley Jayne [The Steampunk Chronicles], Kady Cross


finley jane

The Strange Case of Finley Jayne è una novella prequel della serie Steampunk dedicata al personaggio del titolo e scritto da Kady Cross. Sebbene si tratti, appunto, di un racconto breve, la storia si regge comunque in piedi da sola, ed è un gustoso antipasto a The Girl In The Steel Corset, il primo romanzo della serie The Steampunk Chronicles.

Ma facciamo un piccolo passo indietro, giusto perché voglio dedicare un paio di parole al genere Steampunk. E’ un genere narrativo a metà tra il fantasy e il fantascientifico ed è stato identificato come genere letterario più o meno negli anni ’80. Coniuga il romanticismo dell’era vittoriana con avanzamenti tecnologici che si basano sull’elettricità e il carbone. Immaginatevi un mondo popolato da persone in corsetti che viaggiano su dirigibili e strani marchingegni meccanici, serviti da automi ed altre diavolerie meccaniche. Non per niente i precursori del genere Steampunk sono Jules Verne nella letteratura, e George Méliès nel cinema.

Nel tempo, si è trasformato da genere letterario a vero e proprio stile di vita e si è diffuso anche nella moda, nella tv e nei fumetti. Per essere considerato Steampunk non è necessario che la storia sia ambientata nella Londra vittoriana, ma in qualsiasi altro mondo ad esso contemporaneo, come per esempio il Klondike o il vecchio West. La serie tv e il successivo film The Wild Wild West sono considerati, infatti, Steampunk, così come il capolavoro televisivo di Joss Whedon Firefly. I vari universi Steampunk, sono mondi paralleli al nostro in cui la tecnologia si è evoluta in maniera diversa, spesso lasciando comunque spazio alla magia.



God Save The Queen (Immortal Empire), Kate Locke


GodSaveTheQueenScoprire una nuova autrice e una serie è sempre un’avventura particolare. Finire il libro e rendersi conto di non vedere l’ora di leggere il secondo della serie è un grande piacere.

E così è successo con God Save The Queen, primo capitolo della serie Immortal Empire, della scrittrice Kate Locke.

La scrittrice, americana ma decisamente anglofila, ha immaginato un mondo alternativo a metà tra l’Urban Fantasy e lo Steampunk, dando vita ad un romanzo pieno di azione, crimine, humor e una piccola dose di romance. Il risultato è un racconto incalzante, un libro difficile da mettere giù, capace di tenere svegli fino a tarda notte.

 



My Notebooks 2.0


fiori vari

E’ passato troppo tempo dal mio ultimo post. Ma sono stati 4 anni in cui non c’è stato nemmeno il tempo di respirare, figuriamoci postare su un blog. Ma adesso che la corsa si è un po’ fermata, e alla veneranda età di 31 anni sto seriamente cercando di capire cosa fare da grande, era il momento di un reboot.