October 22, 2008

Cronache di un vampiro con l’anima – Epilogo: Il mio futuro


Lascia il gruppo di persone che avevano appena salvato il mondo dai piani terribili del Primo, e mi fermai a Los Angeles per un giorno per aspettare il mio volo, giusto il tempo per la mia rimpatriata con Angel e Spike. Poi, finalmente, il mio aereo per Maui.Per fortuna gli aerei che viaggiavano di notte mi avevano facilitato di molto la vita, risparmiandomi viaggi in nave. Grazie a Tuala, sarei rimasta sempre in contatto con Giles per aiutare Buffy e i suoi nella nuova battaglia che si stava preparando.


Da allora mi sono stabilita in una grande casa piuttosto isolata appena fuori Lahina. La gente del posto pensa che io sia una specie di ereditiera viziata, e che Tia, Mary e Josie semplicemente subaffittino tre stanze. In realtà la casa enorme ed isolata mi serve per allenare le cacciatrici lontano da occhi indiscreti. All’inizio le cose non sono state molto facili, e tutt’ora a volte non lo sono. Dover accettare che la vita come l’hai sempre conosciuta cambia da un secondo all’altro non è facile. Se poi ci aggiungiamo che sarai costretta anche a rischiare la pelle, allora le cose si complicano davvero.

Malgrado tutto però funzioniamo. Prendermi cura di queste tre ragazze ha dato un senso tutto nuovo al mio posto nel mondo. Mi sono resa conto che in tutti quegli anni di solitudine avevo perso poco a poco tanti piccoli pezzi della mia umanità. Tia, Mary e Josie me la stavano facendo riscoprire, facendomi riflettere su quanto mi avevano raccontato Angel e Spike, sulla loro voglia di ritornare umani. Io le aiuto a sopravvivere, ma loro mi stanno insegnando a vivere.


Ora anche io sogno di poter correre sulla spiaggia sotto il sole con le mie cacciatrici, e mangiare vero cibo e invecchiare. Forse questo desiderio è nato perché per la prima volta nella mia vita non voglio sopravvivere agli umani che incontro.


Perché per la prima volta mi sono innamorata.


Luke Williams, collega di Mary. Aveva saputo fin dal primo istante chi, anzi, cosa ero perché a Mary ancora non era stato spiegato che andava mantenuto un certo segreto su cosa stavamo facendo. Ma a lui non importava. La nostra storia era cominciata con lunghe immersioni notturne nell’oceano pacifico, e giornate trascorse nel mio seminterrato mente gli raccontavo dell’Europa in guerra negli anni ’40.

Così senza accorgecene ci siamo scoperti innamorati. Completamente ingenui del fatto che io sarei rimasta sempre così, ma che lui, anche se ora aveva solo 23 anni, sarebbe invecchiato.

Ogni mattina mentre lo guardo andare dai suo delfini, riparandomi dal sole delle Hawaii capisco sempre di più perché Angel e Spike si erano quasi ammazzati a vicenda per quel barlume di speranza di riavere indietro la vita che era stata sottratta da Darla e Drusilla.

E ora, anche io combatterò per avere la possibilità di vivere e morire come un umano.


Un Commento, Commenta o Pinga

  1. Nessa

    Proprio bello

    October 23rd, 2008

Rispondi a “Cronache di un vampiro con l’anima – Epilogo: Il mio futuro”