Ode alle scarpe


Cammini per la strada. La giornata fa abbastanza schifo e magari sei pure in ritardo. I capelli non ti stanno come vorresti, eppure hai la falcata di una guerriera, perché ai piedi hai le tue scarpe preferite.

In molti sottovalutano il potere che hanno le scarpe, non sanno che per alcune di noi sono la nostra arma vincente. E se il nostro armadio e sotto il nostro letto si riempie di scatole di scarpe multicolori è solo perché ogni giorno è una battaglia che va affrontata con un’arma diversa.



Il contorno d’argento


After the storm the clouds have a silver lining

Lei stava guidando, dopo la solita giornata grigia, accompagnata da un tempo altrettanto incolore. Nubi nere si erano addensate per ore all’orizzonte, sciogliendosi in una pioggia fitta.

Per un attimo guardò verso il cielo, mentre stava curvando per immettersi sulla strada principale e lo vide, quel contorno d’argento.



Boulevard of broken dreams


Tu nella vita farai grandi cose.

La frase ti riecheggia in testa. Ma stranamente ritorna indietro come una risata beffarda, quasi sguaiata.

Una frase che hai sentito dire così tante volte, che alla fine ci hai creduto. Se in tanti te lo dicono, sarà vero, no?



Prima parte della missione…compiuta!


Con oggi ho postato tutte le cartoline, compresa quella censurata, e ho anche inaugurato la sezione “fantasia” ovvero la parte dedicata ai racconti che hanno a che fare con il soprannaturale.

Ora spero di tener fede alla mia promessa di continua a scrivere!



L’inquilino notturno


Se fossimo nel 1600 o anche solo negli anni ’60 per il solo pensare, figuriamoci scrivere, quello che leggerete più avanti mi sarei auto condannata per stregoneria e/o possessione demoniaca.

Pensandoci bene, anche ora, nel 2008, a molti verrebbe in mente di farmi fare qualche bagno nell’acqua santa oppure di farmi indossare un simpatico capo con le maniche che si annodano dietro la schiena, ma ho l’illusione che nell’era di Harry Potter e con il 2012 che si avvicina, qualche libertà in più esista.

Ma dopotutto cosa importa? Nulla si può recriminare alla fantasia dello scrittore, per quanto umile sia. Appena vedo qualcuno accatastare un po’ di legna intorno ad un palo, posso sempre dire di essermi inventata tutto!

E poi, in fondo, chi crederebbe che un fantasma mi visita di notte?